Top Module Empty

La flora rupicola

Primula auricula
Le bianche rupi calcaree sono più frequenti verso la vetta, perciò proprio in tale zona si concentrano gli ambienti di maggiore interesse naturalistico; tuttavia, anche in aree più accessibili si possono osservare significativi esempi di una vegetazione esclusiva e caratteristica delle rupi calcaree che ha nella cinquefoglia penzola (Potentilla caulescens), dai fiori bianchi, la propria specie-guida.

Spesso in questi ambienti si rinvengono specie rare o endemiche (ovvero a distribuzione molto ristretta), talora assai vistose e tutte, naturalmente, da ammirare esclusivamente sul posto in quanto protette dalla legge.  La storia geologica  dell'Insubria,  oltre agli  adattamenti  che consentono alla flora rupicola di vivere e riprodursi, giustificano le peculiarità di questa flora.

Durante le glaciazioni, emergevano dai ghiacci solo le parti più alte dei rilievi; in tali zone, libere dal ghiaccio ed esposte al sole, si salvò parte della flora preesistente. Tali specie sono quindi giunte fino a noi confinate nell'ambiente rupicolo, che non hanno potuto abbandonare per il forte adattamento sviluppato.

Campanula raineri, Primula auricula, Primula glaucescens, Telekia speciosissima, Physoplexis comosa: sono altre specie rare, dai fiori grandi e colorati, tra le numerose segnalate per le rupi del Monte Barro.


Questo sito è stato realizzato da CT2 Srl per Parco Monte Barro
utilizzando Mambo, software reso disponibile da Miro International Pty come come GNU/GPL.

Parco Monte Barro: Ente - Contatti - Collegamenti - Notizie - Albo pretorio

Amministrazione trasparente - Privacy - URP - Note legali