Cervo volante (Lucanus cervus L, maschio)

La riqualificazione dei boschi

LA RIQUALIFICAZIONE DEI BOSCHI SUL VERSANTE NORD DEL MONTE BARRO

Presentazione della campagna di citizen science per il controllo della presenza di insetti saproxilici nell’area del Parco regionale del Monte Barro e zone vicine.

Come programmato, nell’ambito degli interventi di riqualificazione forestale in atto nei boschi del versante settentrionale del Monte Barro, è in corso una campagna di monitoraggi finalizzato alla verifica della ripresa naturale della vegetazione forestale e all’accertamento della presenta di alcuni coleotteri infeudati alle querce, con particolare riferimento al Cervo volante (Lucanus cervus L) e al Cerambice della quercia o Gran capricorno (Cerambix cerdo L); si tratta di specie di interesse comunitario.
Accanto alle indagini in corso da parte degli specialisti, abbiamo ritenuto utile coinvolgere tutti i cittadini disponibili in una campagna di citizen scienze sulla presenza dei coleotteri saproxilici di interesse comunitario, resa possibile da una specifica app realizzata dalla Riserva Naturale Statale “Bosco Fontana”.
Nell’incontro che si svolgerà in teleconferenza il 24 marzo 2022, dalle ore 18:00, su ZOOM si presenteranno lo stato di avanzamento dei lavori forestali e dei monitoraggi in corso, riservando particolare spazio al lancio della campagna di citizen science.

Programma

1. Introduzione del presidente dott.ssa Paola Golfari
2. aggiornamento sintetico dei lavori in corso da parte del progettista/DL dott.for.Michele Cereda
3. presentazione della campagna di citizen science da parte del dott. Sonke Hardersen (Riserva Naturale Statale “Bosco Fontana”)
4. breve esposizione dello stato dei monitoraggi in corso: la ripresa della vegetazione nemorale (dott.ssa for. Nadia de Agostini)
5. breve esposizione dello stato dei monitoraggi in corso: gli insetti saproxilici (dott.ssa in scienze naturali Laura Farina)
6. il progetto educativo-didattico per le scuole nell’area di ricostruzione del bosco: dott.in scienze naturali Antonio Bossi (resp.educazione ambientale del Parco)
7. discussione